Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Giorno della Memoria: conversazione in Ambasciata e alla Scuola italiana con Daniela Padoan

Data:

28/01/2020


Giorno della Memoria: conversazione in Ambasciata e alla Scuola italiana con Daniela Padoan

In occasione del 75º anniversario del Giorno della Memoria e in collaborazione con il Centro Sefarad-Israel, l’Ambasciata d'Italia a Madrid ha ospitato lunedì 27 gennaio una conversazione tra la scrittrice Daniela Padoan, autrice del libro “Come una rana d’inverno: tre donne ad Auschwitz” (Bompiani), pubblicato in Spagna dalla casa editrice Altamarea e la docente dell’Università telematica di Madrid (UNED) Marina Sanfilippo, esperta di letteratura della Shoah.

Ad aprire l’incontro è stato l’Ambasciatore Stefano Sannino, il quale ha sottolineato la forza evocativa delle testimonianze raccolte nella pubblicazione della Padoan, ribadendo il dovere storico della memoria, affinché orrori come quello della Shoah non si ripetano più. A seguire, attraverso le domande della Sanfilippo, la scrittrice ha raccontato la genesi del libro, articolato sulle testimonianze di Liliana Segre, Goti Bauer e Giuliana Tedeschi, tre italiane deportate ad Auschwitz e prigioniere nel campo femminile di Birkenau nel 1944.

L’autrice ha spiegato come il titolo del libro prenda a prestito l’espressione utilizzata da Primo Levi in “Se questo è un uomo” per descrivere le donne di Auschwitz (“vuoti gli occhi / freddo il grembo / come una rana d’inverno”). Ha poi illustrato come, dalle conversazioni con le tre donne, siano emersi ricordi, immagini e pensieri legati al doloroso scorrere del tempo nei campi di concentramento. In particolare, la Padoan si è soffermata sull’esperienza concentrazionaria raccontata dal punto di vista femminile, fatta di pudore violato, disprezzo e perdita, non solo di ciò che le ha rese umane, ma anche di ciò che le ha rese donne. “È stato un progressivo conoscerci - ha detto la scrittrice - vedevo piccoli pezzetti di quel mondo che si schiudevano piano piano, testimoni di un’intimità unica e preziosa”.

La mattina del 28 di gennaio, la commemorazione della Shoah ha visto riuniti studenti e docenti della Scuola Italiana di Madrid per l’incontro con la scrittrice Daniela Padoan, che e’ stato aperto dal Dirigente scolastico, Prof.ssa Gasco, e dalla Dott.ssa Valente dell’Ambasciata d’Italia. Al documentario è seguito un colloquio con l’autrice condotto dal Prof. Guglielmi, coordinatore dell’evento. Gli alunni, precedentemente preparati dai docenti della Scuola, hanno coinvolto Daniela Padoan in un dibattito intenso e pieno di spunti per un successivo approfondimento. La riflessione sull’argomento ha riguardato le testimonianze delle reduci di Auschwitz Liliana Segre, Goti Bauer e Giuliana Tedeschi, raccolte nel libro “Come una rana d’inverno”. Il dibattito e’ stato preceduto da un documentario, in cui è stato possibile ascoltare in presa diretta le testimonianze.


Autore:

Marta Petrini (MAECI-MIUR-CRUI)

924