Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Giornata della Memoria, Ambasciatore italiano a Madrid: “La testimonianza è un dovere”

Data:

27/01/2021


Giornata della Memoria, Ambasciatore italiano a Madrid: “La testimonianza è un dovere”

“Oggi siamo qui non solo per ricordare, bensì per fare Memoria, ovvero essere parte attiva di un processo collettivo che nel passato ha la sua radice, nel presente trova alimento, ma nel futuro ha tutta la sua ragione di essere: perché quanto accaduto non si dimentichi e non si ripeta mai più”. Lo ha affermato l'Ambasciatore d'Italia a Madrid, Riccardo Guariglia, nel corso del suo intervento presso l'Istituto italiano di cultura della capitale spagnola dove è stato proiettato il documentario "Il viaggio più lungo: gli ebrei di Rodi" in occasione delle celebrazioni del Giorno della Memoria.

L'Ambasciatore ha ricordato come anche il popolo italiano sia stato colpito tragicamente dalle atrocità dei campi di concentramento. Furono, infatti, circa 8000 gli italiani ebrei deportati o uccisi in quegli anni, e decine di migliaia le vittime italiane, deportati politici o "colpevoli" di una diversità di idee, di valori, di appartenenza etnica o religiosa. "Oggi li ricordiamo, e in segno di memore omaggio alle vittime dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti, qui a Madrid, come in Italia e in tutto il mondo, esponiamo le nostre bandiere a mezz'asta”.

Il diplomatico ha ricordato, in particolare, la vicenda di uno dei sopravvissuti, Sami Modiano (tra i protagonisti del documentario in proiezione), che aveva appena 14 anni quando fu deportato ad Auschwitz –Birkenau, dall'isola di Rodi nel 1944 e che Guariglia ha conosciuto quando era Ambasciatore a Varsavia, durante uno dei viaggi della Memoria ad Auschwitz al quale Sami Modiano, come pure altri sopravvissuti, avevano deciso di partecipare per rendere la loro testimonianza. "Sentire il suo racconto dal vivo fa veramente rabbrividire e credo che dobbiamo tutti abbracciarlo virtualmente per la sua preziosa testimonianza”.

Guariglia ha concluso che essere testimoni "è il primo atto del fare memoria, al quale noi tutti siamo chiamati a partecipare, ogni giorno, per tenere sempre allenati e in vigile allerta gli anticorpi del genere umano ad una delle peggiori malattie: quella dell'odio, delle discriminazioni, delle persecuzioni, in qualunque forma esse si presentino. La testimonianza è un dovere".


Luogo:

Madrid

Autore:

Agenzia Nova, 27 gennaio 2021

1033