Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Forum dei Ministri del Lavoro per il Dialogo 5 + 5 del Mediterraneo Occidentale ad Alicante

Data:

07/10/2021


Forum dei Ministri del Lavoro per il Dialogo 5 + 5 del Mediterraneo Occidentale ad Alicante

Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Andrea Orlando, ha partecipato oggi ad Alicante alla prima riunione dei Ministri del Lavoro del Foro di dialogo 5 + 5 del Mediterraneo occidentale. Organizzato dalla Spagna, il Foro riunisce da un lato i paesi della sponda sud europea - Italia, Malta, Francia, Spagna e Portogallo - e, dall'altro, i paesi del Maghreb: Libia, Tunisia, Algeria, Marocco e Mauritania.

I ministri si sono confrontati sulle risposte in tema di lavoro e di politiche sociali alla crisi prodotta dal Covid-19 e sulle sfide e le opportunità che riguardano la gestione del post-pandemia.

Il ministro Orlando ha sottolineato come la prima lezione da trarre da quanto accaduto con la pandemia sia che gli squilibri, economici, sociali, tecnologici, se non affrontati per tempo, diventano enormi e dirompenti durante le crisi. Per questo l'emergenza Covid ci ha offerto, seppur drammaticamente, l'opportunità di riflettere sui cambiamenti da mettere in atto nei nostri modelli di sviluppo per affrontare la fase che si sta aprendo adesso.

Il ministro ha poi sottolineato quanto - anche nelle economie e nei sistemi socio-politici più liberali - il ruolo dello Stato si sia dimostrato fondamentale in una situazione di crisi sistemica e globale. Non si può non prendere atto, infatti, che ovunque nel mondo l'intervento dei Governi, ha limitato i danni ed evitato il peggio.

Ma un ruolo attivo delle autorità di governo - ha aggiunto - non può non basarsi su un serrato dialogo sociale e su una maggiore fiducia da parte dei cittadini verso i governanti.
È una fiducia che spetta alla classe dirigente conquistarsi e meritarsi, anche agendo in stretto coordinamento a livello regionale ed internazionale, perché non si può pensare di uscire da soli da una crisi come quella l'attuale.

Il Foro di dialogo 5 + 5 del Mediterraneo occidentale riunisce un gruppo di paesi molto diversi fra di loro, ma che hanno tutti a cuore il benessere di cittadini che gravitano nell'area mediterranea. Con riguardo, dunque, alla mobilità dei lavoratori e alle migrazioni circolari, il ministro Orlando ha ricordato le diverse attività svolte in Italia a favore dell'integrazione sociale e lavorativa dei migranti. Come pure le iniziative che si svolgono all'estero, in paesi come la Tunisia ed il Marocco, ad esempio, dove attività di formazione pre-partenza preparano i lavoratori ad impieghi in Italia sulla base delle richieste di determinati settori produttivi.

È - ha concluso il ministro - un tentativo di realizzare quel principio delle migrazioni circolari di cui spesso si parla, che parte dalla presa d'atto che l'apporto dei lavoratori stranieri nelle economie europee può essere utile e, a volte, addirittura imprescindibile.


Luogo:

Madrid

Autore:

Ambasciata d'Italia

1165