Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Madrid celebra il centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini

L’Istituto Italiano di Cultura di Madrid insieme al Círculo de Bellas Artes, all’Università Autonoma e all’Università Complutense di Madrid, sotto gli auspici dell’Ambasciata d’Italia in Spagna, si sono uniti con l’obiettivo di realizzare un programma comune per celebrare il centenario della nascita del grande scrittore, poeta e regista italiano Pier Paolo Pasolini. Questa intensa collaborazione ha dato vita ad un programma che comprende attività di natura culturale e informativa oltre ad attività scientifiche e accademiche con l’importante supporto dell’Ambasciata d’Italia in Spagna.

Durante la presentazione dell’iniziativa questa mattina all’Istituto Italiano di Cultura di Madrid, l’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Riccardo Guariglia, ha evidenziato: “L’Anno Pasolini è un progetto ambizioso per approfondire l’opera del grande scrittore, poeta, cineasta, drammaturgo italiano e, soprattutto, il suo rapporto con la Spagna. Penso all’influenza che i poeti Antonio Machado, Juan Ramón Jiménez e Carlos Escardó hanno avuto sull’opera di Pasolini e allo straordinario rapporto che ha avuto con Rafael Alberti. È un orgoglio che prestigiose istituzioni spagnole e italiane abbiano collaborato e continuino a collaborare per valorizzare la sua eredità”.

Alla presentazione dell’iniziativa hanno partecipato, oltre all’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Marialuisa Pappalardo, direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura di Madrid, e Valerio Rocco Lozano, direttore del Círculo de Bellas Artes. A nome dell’Università Complutense di Madrid hanno altresì partecipato il Vice Preside della Qualità e Innovazione Jorge Arús, il Vice Direttore del Dipartimento di Filologia romanza, francese, italiana e della traduzione e Direttore dell’Area italiana, Mirella Marotta, e la professoressa Chiara Cappuccio e a nome dell’Università Autonoma, Irene Martín, Vicerettore per le Relazioni Internazionali dell’Università Autonoma, e il Professor Lorenzo Bartoli.