Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Partecipazione del Segretario Generale della Farnesina, Amb. Riccardo Guariglia all’incontro informale dei Segretari di Stato e dei Segretari Generali dei Paesi UE (Saragozza, 15-16 giugno 2023)

IMG-20230616-WA0022

Il Segretario Generale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Ambasciatore Riccardo Guariglia, ha partecipato all’incontro informale dei Segretari di Stato e dei Segretari Generali dei Paesi membri dell’Unione Europea, tenutosi dal 15 al 16 giugno a Saragozza.

Articolato in un pranzo di lavoro, giovedì 15, presso la “Mobility City”, uno dei simboli dell’innovazione tecnologica spagnola, e in sessioni di lavoro, venerdì 16, nella splendida cornice del “Palacio Aljafería”, l’incontro ad alto livello ha consentito una panoramica delle priorità del prossimo Semestre di Presidenza spagnola del Consiglio dell’Unione Europea (UE), che inizierà il 1° luglio, nonché un profondo confronto sulla sicurezza e la difesa dell’UE, le cui prospettive strategiche sono cambiate nell’attuale congiuntura internazionale, caratterizzata in primo luogo dalla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina e da diversi focolai di tensione regionali.

I colloqui hanno evidenziato l’evoluzione in senso onnicomprensivo del concetto di sicurezza, ormai non più limitato alla sola difesa militare convenzionale. Anche per tale motivo, oltre al sostegno dato all’Ucraina, l’UE ha rafforzato sia la propria resilienza alle nuove minacce, come quelle ibride, sia la protezione delle infrastrutture critiche per la sicurezza economica e la garanzia delle catene di approvvigionamento di materie prime critiche e di chip.

Intervenendo ai lavori, il Segretario Generale ha messo in rilievo il tradizionale ruolo di avanguardia dell’Italia nell’approfondimento della cooperazione tra membri dell’UE, come attestato dal pieno sostegno italiano all’agenda dell’Unione in materia di sicurezza e resilienza e all’allargamento ai Balcani occidentali. Al contempo, l’Ambasciatore Guariglia ha rimarcato che, dinanzi alla recrudescenza dei flussi migratori provenienti dall’Africa, il fianco sud dell’UE deve restare in cima alle priorità di un’ambiziosa agenda europea.