Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Il Design, ambito di collaborazione privilegiato tra Italia e Spagna

L’Ambasciata d’Italia a Madrid ritiene che il design costituisca un ambito di collaborazione privilegiato tra l’Italia e la Spagna.

L’Ambasciatore Riccardo Guariglia ha evidenziato come “le priorità collegate al design, nella cornice delle relazioni tra Italia e Spagna, attualmente sono: la promozione del Made in Italy e delle aziende italiane; la valorizzazione dei giovani talenti spagnoli e il collegamento con le realtà produttive italiane; la promozione del Salone del Mobile, di Euroluce, della Triennale di Milano. Molti temi che saranno sviluppati in questo ventaglio di iniziative sono peraltro affini ai contenuti della candidatura di Roma a Expo 2030”.

Le azioni che sotto l’impulso dell’Ambasciata sono state e saranno promosse sono, nell’ordine: a) la conclusione della quarta edizione del concorso sul design promosso dalla stessa Ambasciata; b) l’adesione al Madrid Design Festival; c) l’Italian Design Day, che sarà curato a Madrid dalla CEO e Presidente di Artemide Carlotta de Bevilacqua; d) la partecipazione dell’Italia a Casa Decor; e) l’organizzazione o sostegno a mostre che siano focalizzate sui temi dell’ambiente e della sostenibilità; f) la Barcellona Design Week; g) la Settimana della cucina italiana (terza settimana di novembre). Si tratta di un programma, alla cui realizzazione collaborano il Consolato Generale a Barcellona, l’Ufficio ICE di Madrid e i due Istituti italiani di cultura di Madrid e Barcellona.

La valorizzazione del talento giovanile passa principalmente dal concorso “ITmakES design”, giunto alla quarta edizione e promosso dall’Ambasciata in collaborazione con la Rivista Interni Magazine, il Collegio Ufficiale degli Architetti di Madrid – COAM, l’Associazione dei designer di Madrid – Dimad, l’Associazione del Design industriale di Barcellona (Adi-fad) e l’Associazione dei designer della Comunità Valenziana (ADCV). La Commissione esaminatrice, integrata anche da ADI e Federlegno, ha stabilito i 5 progetti vincitori che sono stati annunciati in occasione di una tavola rotonda che l’Ambasciata d’Italia ha organizzato all’ILE assieme alla rivista Interni il 23 febbraio.

Nell’ottica di stabilire ulteriori ponti tra Italia e Spagna l’Ambasciata ha deciso di sostenere il Madrid Design Festival – MDF (7 febbraio-9 aprile 2023), una scelta ritenuta strategica per promuovere la presenza a Madrid di numerosi architetti, designer e operatori italiani, tra cui il Presidente della Triennale di Milano Stefano Boeri che ha ricevuto un premio del Festival il 16 febbraio, realizzando il giorno seguente un intervento dal titolo “Ossessione verde”. Ulteriori professionisti italiani, sono stati coinvolti in alcune tavole rotonde organizzate presso l’ILE: Maria Cristina Didero, già direttrice di Design Miami, il 15 febbraio (“Puntos de encuentro: el lenguaje universal de los comisarios. Explorando una profesión”) e Marco Tabasso, Piergiorgio Robino, Patrick Abbattista il 18 febbraio (“Changing the game: New playgrounds, new rules, new players in interior design”).

L’Ambasciata sostiene, inoltre, la mostra “Madre Natura” presso il Fernan Gomez Centro Cultural de la Villa. L’esposizione, che sarà visitabile sino al 9 aprile, presenta, tra le altre, una imponente opera (“Plasticity”) di 3,6 metri di altezza, realizzata, con la tecnica della stampa in 3D, dell’architetto Niccolo’ Casas e già esposta alla Biennale di Venezia, e, lungo il percorso espositivo, una lampada di Chiara Vinci, vincitrice della terza edizione del concorso “ITmakES design”, ed un insieme di cactus (“Pure plants”), a cura dell’architetto italiano Carmelo Zappulla, basato a Barcellona, realizzati con materiale speciale in grado di assorbire la CO2.

Il 9 marzo si è celebrata la settima edizione dell’Italian Design Day, una rassegna periodica che quest’anno si è concentrata in tutto il mondo sul tema “la qualità che illumina”. A Madrid la protagonista è stata Carlotta de Bevilacqua, CEO di Artemide, che è intervenuta in più di una Università spagnola per un dialogo sul design con i giovani. Un altro punto di forza in Spagna ai fini della collaborazione bilaterale è ovviamente costituito dalle Scuole di design collegate all’Italia, segnatamente le tre sedi dello IED a Madrid, Barcellona e Bilbao, a cui si è recentemente aggiunto l’istituto LABA a Valencia, prima sede all’estero della Libera Accademia di Belle Arti (presente a Brescia, Trento, Rimini e Firenze).

Pochi giorni dopo la conclusione del MDF, l’Italia è stata nuovamente protagonista sulla scena madrilena partecipando per il secondo anno consecutivo a Casa Decor (13 aprile-28 maggio), grazie all’agenzia ICE e con il convinto sostegno dell’Ambasciata d’Italia a Madrid. In concreto, uno spazio, all’interno di un edificio ubicato nella prestigiosa Calle Serrano, è stato arredato da oltre 20 aziende italiane ed allestito dall’architetta d’interni Beatriz Silveira (http://www.beatrizsilveira.com).

Ulteriori momenti rilevanti per il design italiano in Spagna potranno essere la Barcellona Design Week (16-27 ottobre; l’edizione di quest’anno edizione sarà curata dall’italiano Alessandro Manetti) e, come nel 2022, la Settimana della cucina italiana nel mondo a novembre, con i riflessi che essa potrà avere anche nel campo del design.

https://italiandesignday.it/

https://www.lafabrica.com/madriddesignfestival/

https://triennale.org/

https://www.salonemilano.it/it

https://www.salonemilano.it/en/exhibitions/euroluce

https://www.expo2030roma.org/